VOI MINISTRI DI DIO, INCENTRATE LA VOSTRA VITA NEL S. SACRIFICIO CARPI, 7 OTTOBRE 1987 ORE 22,15 ca. • MERCOLEDÌ: FESTA DELLA B. V. DEL ROSARIO

Figlioli miei, grazie figlioli! Vi avevo chiesto due piccoli sacrifici. Vi ho distolto un po’ dal lavoro per venire qui a patire anche un po’ di freddo ai piedi, eh! E poi il S. Rosario completo. Grazie figlioli! Avete anche percorso tanta strada per giungere qui e rimanere qui ore a pregare. Oh, sapeste quale consolazione figlioli miei! Vi amo! Statemi vicino! Vedete… il S. Rosario piace tanto a Gesù, perché voi invocate il Padre, invocate la S.S. Divinità e dite: “O Gesù, perdona le nostre colpe”, e poi mi chiamate “Mamma, Mamma!” Sono sempre con voi, figlioli miei, anche quando vi pare che Io sia lontana, che abbia dimenticato le vostre angosce, i vostri dolori, le vostre ferite. Figlioli miei, sono con voi, vicino a quella Croce: eh…! Guardiamo assieme quel Volto… Ecco, i suoi occhi carichi di sangue, eppure ci sorride. Andiamo; figli miei, abbracciamolo.
Viviamo nella luce del Suo Vangelo. E voi Ministri di Dio ricordate il S. Sacrificio. Sia il centro della vostra vita. Abbandonate le cose inutili, lasciate che siano i vostri fratelli a preoccuparsene. Incentrate la vostra vita nel S. Sacrificio.
Incentrate voi la vostra vita nei SS. Sacramenti, nella preghiera, nella meditazione, nell’ubbidienza alla Santa Chiesa di Dio.
Figlioli miei, dobbiamo consolare il Cuore divino di Gesù, ancora sanguina, sanguina. Figlioli, volete che assieme, col cuore Gli diciamo: Gesù, Ti amiamo! Gesù, Ti amo! Gesù, Ti amo! E Dio Padre e Gesù Figlio Fratello vostro, lo Spirito d’Amore scendano su di voi figlioli, vi portino le grazie spirituali, le grazie spirituali, figlioli. perché Io vengo qui per aiutarvi ad elevare lo spirito e allora saprete con maggiore amore accettare le sofferenze. Figlioli, vostro fratello voleva ricordarmi tanti di voi che hanno a lui affidato le proprie intenzioni, le loro richieste, le loro angosce. Figlioli, Io ho buona memoria, non dimentico nessuno dei miei figli. I miei figli, tutti i miei figli sono nel mio cuore: chi soffre, chi, figlioli miei, è tentato di venir meno nella speranza, tutti siete nel mio cuore. Sapete: il Signore Iddio, talvolta a chi più ama, più chiede. Siate disponibili all’amore di Dio. I tempi, nel vostro tempo, figlioli, i tempi che verranno non vi trovino lontani da Dio. Ricordate, vicino a Dio, al vostro Fratello, Gesù. Rimanete sotto il mio manto. Gesù è con noi. Per nove mesi, per volontà misericordiosa di Dio è rimasto in Me, umile Serva. Ora, è in tutti noi, è con noi.
Figlioli, il 24 a sera avrete ancora un mio breve saluto. Ecco, chinate il capo, come rugiada scenda la benedizione di Dio che la Mamma ha invocato per voi, vi segua nelle vostre famiglie, nelle parrocchie, vi segua e vi accompagni. Siate prudenti, figlioli, eh…! La prudenza è figlia della carità. Figlioli, Pace! Pace! Pace!